Crea sito

Illegittimità avviso accertamento imposta comunale pubblicità – Avv. Bruno Maviglia

Posted By contribuenteweb on Gen 13, 2019 |


CTP Lecce: illegittimità avviso accertamento Imposta comunale pubblicità.

Fondato è il secondo motivo di ricorso con il quale il contribuente deduce che l’atto impugnato è illegittimo per difetto di motivazione, non facendo menzione dei presupposti di fatto e delle ragioni giuridiche sottese all’accertamento ( Imposta comunale sulla pubblicità ) .

L’ art. l comma 162 della Legge n.296/2006 prevede infatti—ai fini dell’esercizio della potestà impositiva degli enti locali,per i tributi di loro competenza – che: “Gli avvisi di accertamento in rettifica e d’ ufficio devono essere motivati in relazione ai presupposti di fatti ed alle ragioni giuridiche che li hanno determinati(…)“.

Detta previsione non può ritenersi rispettata a mezzo dell’adozione dell’atto impositivo di cui qui si discute, del tutto privo di motivazione, ancorché sommaria e semplificata, e pertanto inidoneo ad esternare le ragioni del provvedimento e consentire un’adeguata difesa.

Manca, in particolare qualsivoglia rilevazione del mezzo pubblicitario tassato, sia in ordine alle circostanze di tempo e di luogo in cui sarebbe avvenuta, che in ordine ad una sua rappresentazione planimetrica e descrittiva.

In ordine al regolamento delle spese , le spese seguono la soccombenza.

CTP Lecce sentenza n. 3519 del 20/12/2018

 

BRUNO MAVIGLIA
Avvocato

Foro di LECCE

 

contribuenteweb@gmail.com